CRITERI AMBIENTALI MINIMI NELL’EDILIZIA: progettazione e realizzazione delle opere pubbliche secondo i criteri della sostenibilità ambientale e dell’economia circolare

/ Lista corsi / Dettagli corso

€ 60.00

Cliccando su Iscriviti dichiaro di aver letto e accettato il regolamento e le condizioni generali di partecipazione ai corsi di formazione a pagamento, seminari, convegni, giornate di studio, tavole rotonde, conferenze, workshop et simili e l’informativa privacy

Iscriviti
  • CODICE CORSO: 19-PE-CAM-01
  • CFP: 8
  • POSTI DISPONIBILI: 12
  • DATA INIZIO (presunta): 10-09-2019
  • DATA FINE: 17-09-2019
  • LUOGO: PESCARA
  • DURATA: 8
  • ORARIO LEZIONI: dalle ore 15:00 alle ore 19:00
CONDIVIDI:
Descrizione

I Criteri Ambientali Minimi (CAM) sono i requisiti ambientali definiti per le varie fasi del processo di acquisto, volti a individuare la soluzione progettuale, il prodotto o il servizio migliore sotto il profilo ambientale lungo il ciclo di vita dell'opera, tenuto conto della disponibilità di mercato. I CAM sono definiti nell’ambito di quanto stabilito dal Piano per la sostenibilità ambientale dei consumi del settore della pubblica amministrazione e sono adottati con Decreto del Ministro dell’Ambiente della Tutela del Territorio e del mare. La loro applicazione sistematica ed omogenea consente di diffondere le tecnologie ambientali e i prodotti ambientalmente preferibili e produce un effetto leva sul mercato, inducendo gli operatori economici meno virtuosi ad adeguarsi alle nuove richieste della pubblica amministrazione. In Italia, l’efficacia dei CAM è stata assicurata grazie all’art. 18 della L. 221/2015 e, successivamente, all’art. 34 recante “Criteri di sostenibilità energetica e ambientale” del D.lgs. 50/2016 “Codice degli appalti” (modificato dal D.lgs 56/2017), che ne hanno reso obbligatoria l’applicazione da parte di tutte le stazioni appaltanti. Questo obbligo garantisce che la politica nazionale in materia di appalti pubblici verdi sia incisiva non solo nell’obiettivo di ridurre gli impatti ambientali, ma nell’obiettivo di promuovere modelli di produzione e consumo più sostenibili, “circolari “ e nel diffondere l’occupazione “verde”. Oltre alla valorizzazione della qualità ambientale e al rispetto dei criteri sociali, l’applicazione dei Criteri Ambientali Minimi risponde anche all’esigenza della Pubblica amministrazione

Docente/Relatore

Pierluigi Fecondo

Ingegnere, Dottore di Ricerca in Ingegneria Civile e Meccanica, Esperto in Gestione dell'Energia (EGE)

Sede

PESCARA - Ordine Architetti PPC di Pescara, Piazza Garibaldi, 42

Programma

Martedì 10 settembre 2019

ore 15:00 - 19:00_ Ing. Pierluigi FECONDO

Quadro legislativo e tecnico-normativo

• Introduzione al Green Public Procurement (GPP): economia circolare, contesto Europeo, Piano di Azione Nazionale;

• Implementazione del GPP nel Codice degli Appalti (D. Lgs.50/2016 e s.m.i. e ambiti di applicazione;

• Disposizioni ambientali prescritte per gli appalti pubblici;

• Criteri di valutazione dei benefici ambientali (LCA ed LCC, LEVEL, ecc.) e strumenti di gestione ambientale e certificazioni previste/ammesse;

• Rassegna dei CAM in vigore e analisi della struttura normativa;

• CAM Edilizia (DM 11/10/2017) per l’affidamento di servizi di progettazione e lavori per gli edifici pubblici": struttura generale del documento e specifiche tecniche generali.

Martedì 17 settembre 2019

ore 15:00 - 19:00_ Ing. Pierluigi FECONDO

CAM Edilizia: dal progetto al cantiere

• Specifiche tecniche dell’edificio e dei componenti tecnici;

• Capacità tecnica dei progettisti;

• Gli appalti di realizzazione delle opere pubbliche secondo i CAM Edilizia e il nuovo Codice Appalti;

• Criteri di aggiudicazione: criteri premianti e loro verifica;

• Esempi di gare pubbliche di progettazione e di realizzazione emanate conformi ai CAM;

• I protocolli di certificazione energetico ambientale e sistemi di certificazione dell’edilizia sostenibile (ITACA, LEED, BREAM, EPD, ecc.);

• Il cantiere sostenibile secondo i CAM: sistema di gestione ambientale ed energetica (compresa gestione dei rifiuti), certificazioni del personale impiegato, apprestamenti di cantiere, gestione degli scavi, esempi e casi di studio.

Attivazione

Il corso avrà inizio a condizione che venga raggiunto il numero minimo di partecipanti. Se il corso non fosse attivato per motivi estranei alla Fondazione, si provvederà a comunicare l’annullamento e/o lo spostamento dell’intero corso o delle date delle singole lezioni.

Frequenza

La frequenza delle lezioni ha carattere obbligatorio con firma in ingresso e in uscita per le ore totali del corso; per la validità del corso si deve garantire la presenza per 80% delle oretotali. Al termine del corso verrà rilasciato l'attestato di frequenza e saranno riconosciuti i crediti formativiprofessionali accreditati direttamente sulla piattaforma im@teria

Accessibilità

aperto a tutti

Rinunce

Attenersi al REGOLAMENTO E CONDIZIONI GENERALI PER LA PARTECIPAZIONE AI CORSI DI FORMAZIONE A PAGAMENTO: "Nel caso in cui un partecipante rinunci a prendere parte ad un corso, costui ha diritto alla restituzione dell'importo già pagato solo nel caso in cui vengano rispettati determinati termini di rinuncia. La rinuncia deve essere effettuata per iscritto a mezzo e-mail entro cinque giorni prima dalla data di inizio del corso. Eventuali disdette telefoniche non saranno prese in considerazione. Oltre questo termine, verrà trattenuto il 50% della quota già versata emettendo regolare fattura. Nel caso di rinuncia il giorno stesso di inizio del corso, o successiva, non si avrà diritto ad alcun rimborso.
Le domande di rimborso devono pervenire per iscritto in segreteria con indicazione delle coordinate bancarie del partecipante, restando inteso che la Fondazione provvederà al rimborso eventualmente dovuto entro 30 giorni.
Nel caso in cui l’iscritto, in alternativa al rimborso, volesse destinare la quota versata verso altri corsi della Fondazione, tale cifra dovrà essere spesa entro 12 mesi dalla rinuncia.
Nel caso in cui un utente si iscriva nei cinque giorni dall’avvio del corso è consapevole di non poter usufruire delle modalità di rinuncia previste al punto 7."

FONDAZIONE ARCHITETTI CHIETI PESCARA

Orari di apertura al pubblico: martedì, mercoledì, giovedì dalle ore 9:00-12:00, lunedì dalle ore 15:30 alle ore 18:00

Telefono: 085.693726

e-mail: fondazione@architettichpe.it

Tutor: Arch. Rita Prencipe tel. 348.3815646